Vai al contenuto

Round 3 TGR GT Cup 2023, podio a Le Mans

La gara più attesa del Campionato. Il Round 3 TGR GT Cup 2023 è andato in scena a Le Mans, tracciato mitico, dove salire sul podio è storia.

Round 3 TGR GT Cup 2023
La locandina ufficiale dell’evento.

Dopo l’intensa gara della Sardegna, la Toyota Gazoo Racing GT Cup 2023 (abbreviata TGR GT Cup) ci porta in una delle piste più apprezzate, in cui concludere in ottima posizione è estremamente appagante. Stiamo parlando di Le Mans, celebre tracciato francese dove si corre la rinomata 24 Ore. Proprio a ridosso di questa gara, la TGR GT Cup 2023 ha disputato il Round 3, ancora con un unico modello. La vettura in questione è la Toyota GR010 Hybrid in versione 2021, ovvero la monoposto che è stata protagonista sul Circuit de La Sarthe negli ultimi anni. Scopriamo, allora, come è andato l’appuntamento francese di Azeta Motori.

Le Mans, un luogo magico

Chi segue l’automobilismo sa che alcune gare sono uniche. Vincere o, comunque, ottenere risultati rilevanti in una di esse, infatti, spesso ripaga una stagione deludente. E’ il caso del Gran Premio di Montecarlo, la 500 Miglia di Indianapolis, il Rally di Montecarlo o, appunto, la 24 Ore di Le Mans. Questi appuntamenti, inoltre, sono ritenuti emblemi per la storia che rappresentano e tre di essi formano la rinomata “Tripla Corona” (GP di Monaco, 24 H di Le Mans e 500 Miglia di Indianapolis). Dunque, anche nel mondo virtuale si apprezza il blasone di queste competizioni ed il Round 3 TGR GT Cup 2023 ne è stato esempio. Parlando del Circuit de La Sarthe, hanno trionfato i più grandi marchi del mondo. Tra essi ricordiamo Ferrari, Porsche, Audi, Bentley e, ovviamente, Toyota.

Round 3 TGR GT Cup 2023
Il rettilineo di partenza a Le Mans. Immagine fonte: granturismo.com

Proprio la Casa nipponica è stata la maggiore protagonista negli ultimi anni, con monoposto come la GR010 Hybrid. Ideata in diverse versioni, la vettura ha portato in alto il nome Toyota nelle più recenti edizioni della 24 Ore francese e del WEC. Nel dettaglio, il modello scelto per il Round 3 TGR GT Cup 2023 è la versione 2021. Il prototipo, nella stagione di debutto, si è aggiudicato sia la gara di Le Mans, per la quarta volta consecutiva, sia il Mondiale Endurance per la terza occasione di fila. Parlando di tecnica, la GR010 Hybrid adotta la trazione integrale ed un motore V6 turbo benzina ibrido da 3500 cc, limitato a 680 cv. Il peso è stimato sui 1040 kg.

La Toyota GR010 Hybrid.

Round 3 TGR GT Cup 2023, tracciato e qualifica

La pista di Le Mans è una delle più antiche al mondo. Nata nel 1923, la configurazione moderna prevede due alternative. La più corta è di 5,7 km sulla quale, ad esempio, corre la Moto GP, mentre la più famosa misura 13,6 km e velocità di punta impressionati. Un esempio a riguardo è il dato registrato nel 1985 dalla Lancia LC2 che, su uno dei rettilinei più lunghi, ha toccato i 398 km/h durante le prove. La configurazione più lunga, però, presenta anche alcune chicane di rallentamento, per un totale di 38 curve. Dunque, una vettura come la GR010 Hybrid si addice perfettamente alla pista francese, dove l’aerodinamica è fondamentale. Parlando del Round 3 TGR GT Cup 2023 nel dettaglio, l’evento è iniziato con la qualifica da 6 minuti.

Round 3 TGR GT Cup 2023
La struttura che ospita i box. Immagine fonte: granturismo.com
Round 3 TGR GT Cup 2023
Uno dei rettifili più iconici del tracciato. Immagine fonte: granturismo.com

Il tempo concesso durante la sessione cronometrata, però, non è molto. I 15 partecipanti, infatti, hanno avuto a disposizione un giro di riscaldamento ed una sola possibilità di segnare la miglior prestazione. La fase di preparazione e la concentrazione, quindi, sono state fondamentali. Alessio, ideatore di Azeta Motori, riesce a percorrere un giro abbastanza pulito, chiudendo in qualifica. La posizione è molto buona per la gara, quando, nel corso delle 17 tornate, strategia e costanza diventano fondamentali. Le mescole disponibili per questo Round, tra l’altro, sono morbida, media e dura. La prima, ovviamente, è adatta per la qualifica, mentre tutte sono utilizzabili in gara.

Il “best lap”.

Le prime fasi di gara

La partenza del Round 3 TGR GT Cup 2023 è “lanciata” come accade nelle competizione Endurance reali. Il primo giro è sempre molto caotico, dunque bisogna prestare attenzione ed evitare contatti o penalità. Alessio parte bene, insidiando subito l’avversario alla prima staccata, desistendo poi nel momento in cui si rischia il contatto. Da lì il tracciato porta all’iconica Curva Dunlop ed al successivo tratto misto, per poi immettersi sul primo lungo rettilineo. Qui Alesio perde la quarta posizione, scalando in quinta ma rimanendo agganciato alla testa della gara. Quindi, alla seconda delle due chicane, il fondatore di Azeta Motori riesce a recuperare, 3° dopo una fase confusionale.

Il via della gara.

Questo momento iniziale, però, sarà seguito da un contatto che cambierà la prima metà di gara. Alessio, infatti, viene tamponato da un avversario dietro, provocando l’uscita di pista nella ghiaia. Il ragazzo di Azeta Motori, così, rientra in pista inizialmente 8°, poi 10° a causa di un altro momento convulso. Da qui inizierà una fase di recupero. Giro dopo giro, Alessio riesce a raggiungere e sorpassare gli avversari davanti, giungendo fino alla seconda posizione nell’ottava tornata. Proprio in questo giro, Alessio ingaggia un duello per il primo posto, vincendolo.

Il contatto del primo giro.
La battaglia ed il sorpasso per la testa della corsa, al giro 8.

Round 3 TGR GT Cup 2023, il proseguo della gara

Dunque, Alessio è primo per qualche tornata, fino al pit stop del giro 9 per il cambio gomme. Dopo un’attenta analisi della gara, il fondatore di Azeta Motori decide che la gomma media sia ancora la mescola migliore, quindi adatta anche per concludere la gara. Mentre gli avversari montano dura o morbida, estreme per i giri mancanti, Alessio trova la giusta soluzione, non essendoci vincoli di mescole obbligate. Il rientro in pista avviene in settima posizione ma con il tempo di recuperare. Così, nel corso dei giri rimanenti, Alessio sopravanza gli avversari, anche grazie alla strategia ed alle soste degli altri. Al giro 13, quindi, si è in terza posizione, per poi salire in seconda alla tornata seguente. Da questo momento si capisce che ci si può giocare qualcosa di più.

Il sorpasso per la quinta posizione, anche grazie al grip maggiore.

Dal 15° giro, quindi, il fondatore di Azeta Motori aumenta il ritmo per cercare di recuperare i più di 12 secondi di distacco. L’obiettivo viene raggiunto proprio alla tornata 17, l’ultima di questo Round 3 TGR GT Cup 2023. Alessio sorpassa l’avversario, anche in evidente difficoltà, alla Curva Dunlop, portandosi nuovamente in testa alla corsa. Come si sa, però, i giri a Le Mans sono lunghissimi e l’ultimo lo sembra ancora di più. In uscita dalla prima delle due chicane sul lungo rettilineo Hunaudières, Alessio perde il controllo della sua GR010 Hybrid, urtando le barriere dopo un testacoda. Dunque, i più di 3 secondi di vantaggio ed il 1° posto si perdono in questo incidente, ma Alessio riesce a ripartire e riprendere l’avversario. Il tratto misto dell’ultimo settore, però, non offre molte possibilità di sorpasso. Azeta Motori, quindi, deve accontentarsi, comunque, di un ottimo 2° posto.

Il sorpasso dell’ultimo giro.

Le considerazioni dopo Le Mans

La gara sul Circuit de La Sarthe lascia un po’ di amaro in bocca, soprattutto per come si è sviluppato il finale. Nel corso dei 17 giri, infatti, al netto del contatto iniziale, la gara è stata pulita e, evidentemente, letta nella maniera corretta per giocarsi la vittoria. Questa, però, è sfuggita per un errore dovuto anche all’importante usura gomme del retrotreno che, in accelerazione, ha provocato il sovrasterzo. Ciò non deve essere una scusante ma un punto di partenza anche il prossimo anno, per cercare di vincere una delle gare più blasonate e di un Campionato ufficiale. La seconda piazza sul podio, nonostante tutto, rappresenta una grande soddisfazione, partendo 4° in qualifica tra l’altro.

Il testacoda fatale per la vittoria.

Dopo la gara francese, Alessio (ID: Ale_Zan) si trova al 16° posto in classifica GT1 nazionale su 77 partecipanti, con 422 punti e subito dietro al campione Valerio Gallo. Ora il prossimo appuntamento è per domenica 25 giugno sul tracciato di Autopolis, in Giappone, pista tecnica quanto relativamente veloce. Per il Round 4, inoltre, sono previste la Toyota GR86 e, in alternativa, la Subaru BRZ. Vedremo se si riuscirà a mantenere risultati interessanti e competitivi, dopo due podi ed un 6° posto.

Round 3 TGR GT Cup 2023
La classifica dopo Le Mans. Immagine fonte: granturismo.com

Tutti i contenuti presenti nell’articolo sono di proprietà Gran Turismo e ricavati, tramite “cattura immagine”, da console Playstation 4.

[Autore articolo e gara: Alessio Zanforlin]

Fonti informazioni verificate:

Seguici sui nostri social!

E rimani aggiornato sul mondo Gran Turismo, clicca qua sotto!

E potrebbero interessarti anche:

Toyota GAZOO Racing GT Cup 2023, il Round 2

Toyota GAZOO Racing GT Cup 2023

Dopo 2 settimane dal primo appuntamento al Fuji, il 14 maggio è andato in scena il secondo atto del rinomato Campionato virtuale ufficiale. Dunque, sul Circuito Stradale B, in Sardegna, si è corso il Round 2 della Toyota GAZOO Racing GT Cup 2023, con la divertente Yaris GR. Una gara intensa, tra duelli e strategia ma sempre con ritmi elevati, come spesso accade in… continua a leggere

by azetamotori 26 Maggio 2023

Toyota GAZOO Racing GT Cup 2023, Round 1: Fuji

Toyota GAZOO Racing GT Cup 2023

Dopo l’annuncio delle scorse settimane, è ripartita la Toyota GAZOO Racing GT Cup 2023, uno dei Campionati più ambiti. La prima prova della competizione ideata ufficialmente dalla Casa nipponica, dunque, si è corsa al Fuji, tracciato veloce quanto completo. La pista giapponese, poi, si è sposata molto bene con le vetture scelte percontinua a leggere

by azetamotori 9 Maggio 2023

azetamotori Mostra tutti

Sito web dedicato alla fotografia nel mondo dei motori.